Politiche Attive

Favoriamo l'inserimento lavorativo mediante l'uso delle politiche attive per il lavoro, basate sui programmi operativi regionali (POR)

Politiche Attive

Le politiche attive per un occupazione sana e sostenibile

Le politiche attive del lavoro sono interventi basati su servizi e misure volti a promuovere e favorire l’occupazione e l’occupabilità di chi cerca lavoro. Promosse da enti accreditati, svolgono un importate funzione di sostegno all’occupazione, implementando varie misure a valere sui fondi POR (Progetti Operativi Regionali).

  • Orientamento di base, analisi delle competenze in relazione al mercato del lavoro locale, profilazione e definizione delle azioni di ricerca di lavoro che devono essere compiuti dalla persona
  • Orientamento specialistico e individualizzato, da fornire attraverso il bilancio delle competenze e l’analisi degli eventuali fabbisogni di formazione, esperienze di lavoro o altre misure di politica attiva del lavoro
  • Orientamento individualizzato all’autoimpiego
  • Accompagnamento al lavoro, anche con l’utilizzo dell’assegno di ricollocazione
  • Formazione per la qualificazione e riqualificazione professionale, l’autoimpiego e l’immediato inserimento lavorativo
  • Promozione di esperienze lavorative per l’incremento delle competenze, anche mediante tirocinio
  • Incentivi al lavoro autonomo e tutoraggio per le fasi successive all’avvio dell’impresa
  • Costruzione del Curriculum Vitae e della lettera di presentazione
 Le Politiche Attive del lavoro disponibili sono diverse e rivolte a soggetti diversi, dai un occhiata ai seguenti link per scoprirne di più.

Cosa sono i Programmi Operativi Regionali?

I  POR (o Programmi Operativi Reginoali), sono a titolarità di un’Amministrazione locale (Regione o Provincia autonoma) e riguardano il Fondo Europeo Sviluppo Regionale (FESR), il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (PSR FEASR), a seconda delle tipologie di fondi messi a disposizione delle Regioni.